Loss Program Weight

Psiconline ADV

Dott. Alessandro Fortunato
Arianna Ciamarone


Psiconline®
Settore Advertising
Tel. 085 817699 int.44

 

Contatto Skype
Il mio stato

 

Lunedì / Venerdì
ore 10 -18.30

Chiama per qualunque
esigenza di tipo pubblicitario!
Siamo a tua disposizione
per consigliarti ed aiutarti!

Negli orari in cui non siamo presenti in sede, inviaci una email a:

Psiconlineadvmini

Ti risponderemo al più presto!

 

Psicologo? Psicoterapeuta?

Il tuo nome non può mancare.

Non puoi non farti conoscere da chi ha bisogno della tua professionalità.

Scopri le proposte che ti abbiamo riservato

Home Area Pubblica Alessitimia (o Alexitemia)

pubblicità

Alessitimia (o Alexitemia)

altQuesto termine deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione). Esso viene utilizzato per indicare una incapacità nell’identificazione e nell’espressione dei sentimenti, propri ed altrui.

L’alessitimia riguarda un tratto stabile di personalità e gli individui che ne sono affetti  sono particolarmente soggetti a sviluppare disturbi e malattie somatiche.  Tendenzialmente la persona che somatizza tende a non riconoscere  e a non esprimere verbalmente le emozioni, quindi gli alessitimici hanno la difficoltà di concentrare le emozioni a livello viscerale,  confondendosi con esse, ed esprimendone un disagio emotivo attraverso un “linguaggio somatico”.

 

Le caratteristiche alessitimiche possono essere rilevate nei pazienti affetti da sintomi somatici funzionali, soprattutto in chi soffre di ipocondria e disturbo da dolore somatoforme.  In alcune ricerche è stato riscontrato che il “ pensiero-tratto  alessitimico” è frequente anche in persone affette da disturbo da abuso di sostanze, disturbo post-traumatico da stress, anoressia nervosa e perversioni sessuali.

Le caratteristiche principali sono:

  • difficoltà nel distinguere i sentimenti dalle sensazioni somatiche legate all’attività emotiva;
  • un vocabolario emotivo limitato, che comporta una difficoltà nel comunicare verbalmente le proprie emozioni agli altri;
  • processi immaginativi limitati che si evidenziano con una carenza di fantasie, giochi e sogni;
  • uno stile cognitivo che si orienta verso l’esterno, ossia verso il mondo fisico e l’azione, piuttosto che verso interno;
  • predisposizione verso gli stati affettivi negativi e una scarsa capacità nel provare emozioni positive.

 

 

Riferimenti Bibliografici

  • Fulcheri Mario (2005). "Le attuale frontiere della psicologia clinica". Torino. Centro scientifico editore;
  • Todarello O., Porcelli P., (2006). “Trattamenti in medicina psicosomatica”. Franco Angeli.

 

(Dott.ssa Susanna Mariagrazia, Dott.ssa Ammirabile Maria Lucia)



Pubblicità

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni