Loss Program Weight

Psiconline ADV

Dott. Alessandro Fortunato
Arianna Ciamarone


Psiconline®
Settore Advertising
Tel. 085 817699 int.44

 

Contatto Skype
Il mio stato

 

Lunedì / Venerdì
ore 10 -18.30

Chiama per qualunque
esigenza di tipo pubblicitario!
Siamo a tua disposizione
per consigliarti ed aiutarti!

Negli orari in cui non siamo presenti in sede, inviaci una email a:

Psiconlineadvmini

Ti risponderemo al più presto!

 

Psicologo? Psicoterapeuta?

Il tuo nome non può mancare.

Non puoi non farti conoscere da chi ha bisogno della tua professionalità.

Scopri le proposte che ti abbiamo riservato

Home Area Pubblica La mente estetica. Che cos'è il "bello" e perché il nostro cervello lo apprezza?

pubblicità

La mente estetica. Che cos'è il "bello" e perché il nostro cervello lo apprezza?

23313_122133864483873_9419_n
FRANCAVILLA  A MARE - Temperatura tra i 18 e i 20 gradi centigradi e alla sera niente alcolici o bevande ad azione eccitante e cibi difficili da digerire. Sono due delle dieci regole per dormire bene, fattore determinante nel mantenimento del benessere psico-fisico, suggerite da Giuseppe Polipo, medico estetico, nel libro "La mente estetica. Che cos'è il "bello" e perché il nostro cervello lo apprezza?", in tutte le librerie per Edizioni Psiconline.

"Passiamo un terzo della vita a letto", dice Polipo, "e sappiamo che per vivere bene è essenziale dormire bene". "Durante il riposo", continua l'autore, " sincronizziamo i bioritmi vitali: pressione arteriosa, frequenza cardiaca, temperatura corporea, livelli ormonali. Anche dal punto di vista psichico il sonno è un’occasione di distacco dai pensieri quotidiani e di riequilibrio dell’intero sistema emozionale e percettivo. L’inconscio rielabora le esperienze quotidiane e manifesta nel sogno la sua “opinione” attraverso il corteo onirico d’immagini, desideri, visioni.

L’orologio sonno-veglia è regolato dal nucleo soprachiasmatico che ha una strettissima relazione con i circuiti emozionali, ma il sonno dipende anche da variabili ambientali su cui possiamo intervenire: rumore, temperatura, umidità e luminosità". Ecco, allora, dieci regole per dormire bene. 1) Ventilare tutti i giorni la camera da letto; 2) Evitare compiti stressanti (fi sici e mentali) prima di andare a dormire; 3) Dedicare un numero di ore suffi cienti per sentirsi riposati e in formala-mente-estetica-che-cos-il-bello-e-perch-il-nostro-cervello-lo-apprezza
il giorno dopo; 4) Eliminare o ridurre luce e rumori intorno alla camera da letto; 5) Mantenere una temperatura tra i 18° e i 20° gradi e una buona umidità; 6) Evitare alla sera il consumo di alcolici, bevande ad azione eccitante (caffè, tè, coca cola) e cibi di difficile digestione; 7) Stare a letto solo se si ha sonno. In caso contrario alzarsi e aiutarsi con una tisana, una tazza di latte caldo e miele o un bagno rilassante;  8) Secondo le indicazione della bioarchitettura, il letto deve essere alto 60 cm, avere reti di legno, essere disposto secondo l’asse magnetico terrestre (nord/sud), per facilitare la circolazione del ferro contenuto nell’emoglobina; 9) Togliere dalla camera da letto tutti i dispositivi elettronici e gli oggetti metallici, per evitare disturbi elettromagnetici dell’attività cerebrale; 10) Se i consigli sopra indicati non bastano, consultare un medico di fiducia. "Sino agli anni ’90", afferma Giuseppe Polipo, "gli studi sul benessere erano condotti allo scopo di creare prodotti o stili di vita validi per tutti. Oggi non è più così.

L’attenzione è rivolta ai bisogni individuali e anche l’estetica dovrà passare da una proposta di bellezza standard a trattamenti personalizzati tendenti a un benessere realistico e sostenibile. Stare bene dipende dal concorso di molti fattori: salute, equilibrio corpo-mente, attività fisica, buone relazioni familiari e sociali". "L’Organizzazione Mondiale della Sanità", conclude l'esperto, "definisce la qualità della vita come la percezione positiva che ogni persona ha della propria posizione nella società e dei valori nei quali s’identifica in relazione a desideri, obiettivi, aspettative”.

Sipo Beverelli



Pubblicità

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni