Loss Program Weight

Psiconline ADV

Dott. Alessandro Fortunato
Arianna Ciamarone


Psiconline®
Settore Advertising
Tel. 085 817699 int.44

 

Contatto Skype
Il mio stato

 

Lunedì / Venerdì
ore 10 -18.30

Chiama per qualunque
esigenza di tipo pubblicitario!
Siamo a tua disposizione
per consigliarti ed aiutarti!

Negli orari in cui non siamo presenti in sede, inviaci una email a:

Psiconlineadvmini

Ti risponderemo al più presto!

 

Psicologo? Psicoterapeuta?

Il tuo nome non può mancare.

Non puoi non farti conoscere da chi ha bisogno della tua professionalità.

Scopri le proposte che ti abbiamo riservato

Home Area Pubblica «Ragazzi a letto alle dieci per vivere felici»

pubblicità

«Ragazzi a letto alle dieci per vivere felici»

 

aa2Per mandare a letto presto i figli di YouTube e Facebook, forse, è sempre meglio affidarsi a Jim Morrison convinto che, per merito dei sogni, nel sonno è possibile trovare quello che il giorno non può dare. I genitori più coraggiosi, però, d’ora in avanti possono appellarsi anche a mister James E. Gangwisch, psichiatra del Columbia University Medical Center di New York, sicuro che ritardare troppo l’ora di coricarsi può portare alla depressione. Lo dimostrano i risultati del suo studio appena pubblicato dalla riv i s t a sc i e n t i f i c a Sleep. Vecchi (e bei!) tempi quelli del Carosello che, con gli sketch comici tra le 20.50 e le 21, faceva scattare il coprifuoco per i più piccoli di casa. «Oggi gli adolescenti hanno già perso in media un’ora e mezzo di sonno rispetto a mamma e papà — ricorda Claudio Mencacci, ai vertici della Società italiana di psichiatria —. Sotto la spinta

 

degli stimoli diInternet & Co., i giovanissimi ingaggiano una lotta continua con l’orologio biologico per chiudere gli occhi il più tardi possibile».

IL SONNO PERDUTO - È il sonno perduto dei ragazzi che adesso gli esperti mettono più che mai sotto accusa. Per gli studiosi del Columbia University Medical Center i super-gufi, come vengono definiti i figli della generazione sveglia di notte e assonnata di giorno, corrono il 24% in più di rischi di soffrire di disturbi depressivi e hanno perfino il 20% in più di probabilità di covare pensieri suicidi. Il termine di paragone è con i coetanei che vanno a letto non più aa4
tardi delle 10 di sera. L’indagine è stata condotta su 15.659 adolescenti tra i 7 e i 12 anni. A letto presto, insomma, contro la depressione. Ma non solo: «Il debito di sonno rende più irritabili, fa diminuire il rendimento scolastico, favorisce l’uso di stimolanti e di comportamenti aggressivi», sottolinea Luca Bernardo, primario di Pediatria al Fatebenefratelli di Milano e coordinatore della Commissione per la prevenzione del disagio e del bullismo voluta dal ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini. Per scongiurare i guai con la salute psicofisica ci vogliono 8 (meglio ancora 9) ore di sonno. Un numero difficile, però, da trovare nella pratica quotidiana. I giovanissimi sono stressati per il poco riposo soprattutto per colpa di tv, computer e cellulari accesi fino a tardi: è quanto ribadito lo scorso luglio dai ricercatori della Drexel University di Philadelphia. Del resto, dall’indagine— pubblicata su Pediatrics, la rivista ufficiale dell’American Academy of Pediatrics — emerge che ormai il 66% dei teenagers ha la televisione in camera da letto. «È un circolo vizioso pericoloso — spiega il neurologo Lino Nobili alla guida del Centro per la cura dei disturbi del sonno dell’ospedale milanese Niguarda —.

DEPRESSIONE - Andare a letto tardi favorisce la depressione, ma nello stesso tempo chi è già portato a soffrirne tende a non addormentarsi mai». Ma i metodi brutali servono a poco. L’avvertimento arriva dalla psicologa infantile Silvia Vegetti Finzi: «I genitori sono chiamati a dare soprattutto il buon esempio. È importante, per dire, che l’orario della cena non sia troppo posticipato, anche se spesso si torna a casa tardi per motivi di lavoro. Le abitudini corrette, poi, vanno insegnate con pazienza quando i bimbi sono ancora piccoli». Insiste Mencacci: «La voglia di vivere tutto e subito è tipica dell’adolescenza. Il vero insegnamento da tramandare ai figli, allora, è di non avere paura del futuro e di non bruciare la gioventù. Così magari si convincono anche a riposare di più». Godersi momento per momento, sembra il segreto suggerito dagli esperti, anche con la testa sul cuscino e gli occhi chiusi. Buonanotte, dunque, anche ai babycibernauti.

Tratto da "CorriereDellaSera.it"



Pubblicità

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni