Loss Program Weight

Psiconline ADV

Dott. Alessandro Fortunato
Arianna Ciamarone


Psiconline®
Settore Advertising
Tel. 085 817699 int.44

 

Contatto Skype
Il mio stato

 

Lunedì / Venerdì
ore 10 -18.30

Chiama per qualunque
esigenza di tipo pubblicitario!
Siamo a tua disposizione
per consigliarti ed aiutarti!

Negli orari in cui non siamo presenti in sede, inviaci una email a:

Psiconlineadvmini

Ti risponderemo al più presto!

 

Psicologo? Psicoterapeuta?

Il tuo nome non può mancare.

Non puoi non farti conoscere da chi ha bisogno della tua professionalità.

Scopri le proposte che ti abbiamo riservato

Home Area Pubblica Nel cervello il segreto dei coraggiosi

pubblicità

Nel cervello il segreto dei coraggiosi

2F32D813E0772BDC8B1E9EA348FF3
Cuor di leone o di coniglio? Il segreto dei coraggiosi si cela, piuttosto, nella mente. Lo hanno scoperto i ricercatori del Weizmann Institute of Science, grazie a un nuovo studio che ha combinato l’impiego di serpenti vivi alla risonanza magnetica, per “fotografare” i meccanismi neurali di chi è alle prese con la paura.

Lo studio israeliano, pubblicato su Neuron, ha guardato nel cervello di alcuni volontari impegnati in un test real-life, in cui dovevano avere un incontro

ravvicinato con un tranquillo orsetto di peluche o con un serpente. Primo dello studio i soggetti erano stati divisi in “coraggiosi” o “paurosi”, sulla base delle risposte date a un cerbero
questionario sulla fobia dei serpenti. Ebbene, la ricerca ha rivelato che, al di là della reazione fisica, l’attività di un’area del cervello dei volontari era fortemente associata alla paura quando si decideva di agire in modo coraggioso. Non lo era più, però, se si finiva per soccombere, dandosela a gambe.

La chiave sta nella corteccia cingolata anteriore, l’area del cervello che entra in azione quando bisogna vincere il terrore. Questa struttura però si inattiva se la paura è più forte della nostra capacità di superarla. «I nostri risultati chiariscono un interessante aspetto del comportamento umano: la chiave dell’abilità di compiere volontariamente un’azione opposta a
ciò che ci suggerirebbe la paura incombente. Insomma, il coraggio», spiega Yadin Dudai, primo autore della ricerca.

In particolare, sapere come “accendere” il coraggio «potrebbe aiutarci a scovare trattamenti su misura per le persone bloccate dalle fobie o afflitte da patologie che impediscono loro di vincere una paura».

Tratto da "LaStampa.it"



Pubblicità

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni