Loss Program Weight

Psiconline ADV

Dott. Alessandro Fortunato
Arianna Ciamarone


Psiconline®
Settore Advertising
Tel. 085 817699 int.44

 

Contatto Skype
Il mio stato

 

Lunedì / Venerdì
ore 10 -18.30

Chiama per qualunque
esigenza di tipo pubblicitario!
Siamo a tua disposizione
per consigliarti ed aiutarti!

Negli orari in cui non siamo presenti in sede, inviaci una email a:

Psiconlineadvmini

Ti risponderemo al più presto!

 

Psicologo? Psicoterapeuta?

Il tuo nome non può mancare.

Non puoi non farti conoscere da chi ha bisogno della tua professionalità.

Scopri le proposte che ti abbiamo riservato

Home Area Pubblica Ordinati si nasce o si diventa?

pubblicità

Ordinati si nasce o si diventa?

altIdee efficaci per la gestione dello spazio domestico: ecco cosa si può fare per trovare un equilibrio con i nostri figli, piccoli e grandi
L’ordine non è un sostantivo singolare: c’è l’ordine dei genitori e c’è l’ordine dei figli. Nell’esperienza delle madri, questi due tipi tendono a divergere non appena i figli muovono i primi passi verso l’indipendenza.

«L’ordine è un concetto universale, ma ogni persona lo interpreta a modo proprio», rassicura Lucia Larese, massima esperta dell’arte dello space clearing in Italia (www.spaceclearing.it) e autrice del libro “Space Clearing - libera il tuo spazio, trasforma la tua vita”, arrivato alla quarta edizione. Secondo l’esperta, l’ordine non è una “mission impossible”, ma un insieme di variabili che vanno gestite con intelligenza. «Per esempio, il disordine degli adolescenti è molto diverso da quello dei bambini.

 

Nella mia esperienza di coach nella gestione dello spazio, ho avuto modo di accorgermi che, molto spesso, gli adolescenti utilizzano il caos come un segno di distinzione e come una forma di ribellione». Un modo per marcare il territorio, insomma, le cui valenze sono di facile comprensione: se loro, per primi, faticano a trovare un posto nel mondo, saranno meno propensi a trovarlo agli oggetti. «Ci sono anche casi in cui il disordine degli adolescenti è il risultato di una situazione traumatica, come una separazione, un cambiamento, una malattia, un lutto», prosegue Larese che invita le mamme a cercare sempre la chiave del problema: «Usare rimbrotti e lamentele è una strategia destinata alla sconfitta, meglio piuttosto capire cosa abbia generato il disordine».

 

Tratto da d.repubblica.itProsegui nella lettura dell'articolo



Pubblicità

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni