Loss Program Weight

Psiconline ADV

Dott. Alessandro Fortunato
Arianna Ciamarone


Psiconline®
Settore Advertising
Tel. 085 817699 int.44

 

Contatto Skype
Il mio stato

 

Lunedì / Venerdì
ore 10 -18.30

Chiama per qualunque
esigenza di tipo pubblicitario!
Siamo a tua disposizione
per consigliarti ed aiutarti!

Negli orari in cui non siamo presenti in sede, inviaci una email a:

Psiconlineadvmini

Ti risponderemo al più presto!

 

Psicologo? Psicoterapeuta?

Il tuo nome non può mancare.

Non puoi non farti conoscere da chi ha bisogno della tua professionalità.

Scopri le proposte che ti abbiamo riservato

Home Area Pubblica Psicoterapia: comprendere la Terapia di Gruppo

pubblicità

Psicoterapia: comprendere la Terapia di Gruppo

altLa psicoterapia può essere concepita in diversi modi. Uno di questi è la terapia di gruppo. A seconda della natura del problema, la terapia di gruppo può essere la scelta migliore per affrontare le preoccupazioni e fare cambiamenti positivi nella vita.
Cosa aspettarsi?
Le terapie di gruppo sono condotte da uno o più psicologi con un numero di pazienti che va dai 5 ai 15. Generalmente, i gruppi si incontrano per 1/2 ore a settimana.  Molti pazienti alternano la psicoterapia individuale a quella di gruppo, mentre altri partecipano solo alla terapia di gruppo.
Molti gruppi nascono per trattare uno specifico problema, come la depressione, obesità, attacchi di panico, ansia sociale, dolore cronico o abuso di sostanze. Altri gruppi sono focalizzati il più delle volte sulle abilità sociali, aiutando le persone ad affrontare una serie di problematiche come la rabbia, la timidezza, la solitudine e la bassa autostima.  Il gruppo spesso aiuta coloro che hanno sperimentato la perdita di un coniuge, di un figlio o di qualcuno che si è suicidato.

Benefici  della terapia di gruppo
Partecipare al gruppo con  persone estranee può essere inibitorio, ma la terapia offre dei benefici che la terapia individuale non potrebbe dare. Alcuni psicologi dicono, infatti,  che i componenti del gruppo rimangono quasi sempre sorpresi poiché esso si rivela come un’esperienza gratificante.
I gruppi possono agire da rete di sostegno e da buon ascoltatore. Alcuni pazienti possano aiutare, attraverso delle idee, a migliorare delle situazioni difficili o delle sfide della vita. Di solito sia parlare che ascoltare aiuta a prendere consapevolezza dei problemi. Molte persone sperimentano esperienze difficili interiormente ma solo pochi esternano i loro vissuti davanti a persone che non conoscono bene.  Spesso, ci si sente l’unico in lotta- ma non lo si è. Può essere utile sentire le problematiche degli altri così da rendersi conto che non si è soli.
La diversità è un altro importante fattore nella terapia di gruppo. Le persone hanno diverse personalità e diversi  lati oscuri,così da guardare le situazioni in modo diverso. Così è possibile osservare come le altre persone affrontano i problemi e fanno cambiamenti positivi, e imparare diverse strategie da mettere in atto.
Maggiore supporto
I membri del gruppo sono una preziosa fonte di supporto, che offrono contributi che vanno oltre all’auto-aiuto e ai gruppi di sostegno.
Le sessioni di terapia di gruppo sono guidate da psicologici specializzati, che insegnano ai componenti le strategie per gestire specifici problemi. Per esempio, in un gruppo che affronta la gestione della rabbia, lo psicologo illustrerà dei metodi, testati scientificamente,  per poterla controllare. La guida esperta deve aiutare il gruppo a dare il meglio in questa esperienza.
Come partecipare ad un gruppo
Per trovare un gruppo, è possibile chiedere  al medico curante o al vostro psicologo (se ne avete uno) per ulteriori suggerimenti. Verificate anche negli ospedali e nei centri medici che spesso sponsorizzano vari gruppi. Quando si sceglie un gruppo, bisogna considerare questa domanda:gruppo  aperto o chiuso?
I gruppi aperti sono quelli in cui i nuovi membri possono unirsi in qualsiasi momento. I gruppi chiusi sono quelli in cui tutti i componenti iniziano nello stesso momento. Possono partecipare nella sessione di 12 settimane, per esempio. Ci sono,ovviamente, dei pro e dei contro in ogni tipo di gruppo. Quando si entra in un gruppo aperto ci potrebbe essere un periodo di conoscenza degli altri membri del gruppo prima di aprirsi. Tuttavia, se si vuole entrare in un gruppo chiuso, potrebbe essere necessario attendere per diversi mesi fino a quando non inizia una nuova sessione.
Quante persone ci sono in un gruppo?
I piccoli gruppi offrono la possibilità di concentrarsi sul singolo, ma i gruppi più grandi offrono una maggiore diversità e maggiori prospettive.
Come si confrontano i membri del gruppo?
I gruppi di solito funzionano meglio quando sperimentano difficoltà e funzionano allo stesso livello.
La terapia di gruppo è sufficiente?
Molte persone trovano che sia utile partecipare sia alla terapia di gruppo che alla psicoterapia individuale. Partecipare ad entrambi i tipi di psicoterapia aumenta la possibilità di fare cambiamenti importanti e duraturi. Se siete coinvolti in una psicoterapia individuale e i vostri progressi si sono arrestati unendovi a un gruppo ci  potrebbe essere una spinta maggiore alla crescita personale.
Quanto condividere?
La riservatezza è un aspetto importante per la terapia di gruppo. Anche se non c’è alcuna garanzia sulla privacy quando si condivide con gli altri, e si divulgano le informazioni personali. Detto questo, ricorda che non sei l’unico a condividere la tua storia personale. I gruppi funzionano meglio se c’è comunicazione aperta e onesta tra i membri.
I membri di gruppo intraprendono un cammino come stranieri, ma per un breve lasso di tempo, che molto probabilmente sarà un valido supporto.



Pubblicità

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni