Loss Program Weight

Psiconline ADV

Dott. Alessandro Fortunato
Arianna Ciamarone


Psiconline®
Settore Advertising
Tel. 085 817699 int.44

 

Contatto Skype
Il mio stato

 

Lunedì / Venerdì
ore 10 -18.30

Chiama per qualunque
esigenza di tipo pubblicitario!
Siamo a tua disposizione
per consigliarti ed aiutarti!

Negli orari in cui non siamo presenti in sede, inviaci una email a:

Psiconlineadvmini

Ti risponderemo al più presto!

 

Psicologo? Psicoterapeuta?

Il tuo nome non può mancare.

Non puoi non farti conoscere da chi ha bisogno della tua professionalità.

Scopri le proposte che ti abbiamo riservato

Home Area Pubblica Pump on the volume! La musica per ottenere una sferzata di potenza

pubblicità

Pump on the volume! La musica per ottenere una sferzata di potenza

altPosto che la musica ad alto volume può seriamente danneggiare l’udito, secondo gli scienziati chi ascolta musica di un certi tipo e a un certo volume, prima magari di una performance sportiva piuttosto che un appuntamento di lavoro… si dà una carica di energia o una sensazione come di onnipotenza che fa sentire di essere in grado di affrontare al meglio qualsiasi sfida.
Potenza della musica, è proprio il caso di dirlo.

«Guardando grandi eventi sportivi, i miei coautori e io abbiamo spesso notato gli atleti con i loro auricolari indosso mentre entrano nello stadio o negli spogliatoi – spiega Dennis Hsu della Kellogg School of Management della Northwestern University – I modi in cui questi atleti si immergono nella musica (alcuni con gli occhi chiusi; qualcuno che accenna con il capo a battere il tempo) appare come se la musica prepari loro mentalmente e li rinvigorisca per la competizione che avrà il via di lì a poco».

Partendo dunque da queste osservazioni, Hsu e colleghi hanno deciso di scoprire se la musica può davvero trasformare lo stato psicologico di chi ascolta.
Già precedenti ricerche hanno dimostrato che la musica può avere effetti positivi sulle persone e anche effetti terapeutici.
Si va dal migliorare l’apprendimento e la motivazione per arrivare anche a ridurre il dolore fisico.
Quello che mancava era però uno studio che analizzasse il collegamento tra la musica e il senso di potenza o vigore, individuando non solo le conseguenze, ma anche la potenziale causa di questo legame.


Tratto da www.lastampa.it - Prosegui nella lettura dell'articolo



Pubblicità

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni