Loss Program Weight

Psiconline ADV

Dott. Alessandro Fortunato
Arianna Ciamarone


Psiconline®
Settore Advertising
Tel. 085 817699 int.44

 

Contatto Skype
Il mio stato

 

Lunedì / Venerdì
ore 10 -18.30

Chiama per qualunque
esigenza di tipo pubblicitario!
Siamo a tua disposizione
per consigliarti ed aiutarti!

Negli orari in cui non siamo presenti in sede, inviaci una email a:

Psiconlineadvmini

Ti risponderemo al più presto!

 

Psicologo? Psicoterapeuta?

Il tuo nome non può mancare.

Non puoi non farti conoscere da chi ha bisogno della tua professionalità.

Scopri le proposte che ti abbiamo riservato

Home Area Pubblica SISSA: Gesticolare mentre si parla non è solo una "colorata" abitudine

pubblicità

SISSA: Gesticolare mentre si parla non è solo una "colorata" abitudine

altVi siete mai ritrovati a gesticolare - sentendovi anche un po’ stupidi – mentre parlate al telefono? Non siete soli: succede molto spesso che le persone accompagnino il discorso con le mani, a volte anche quando nessuno le può vedere. Perché non riusciamo a stare fermi quando parliamo? “Perché gesti e parole, molto probabilmente, formano un unico ‘sistema di comunicazione’, il cui fine ultimo è massimizzare l’espressione, cioè la capacità di farsi comprendere”, spiega Marina Nespor, neuroscienziata della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste.

 

Nespor ha appena pubblicato sulla rivista Frontiers in Psychology, insieme ad Alan Langus, ricercatore della SISSA, e Bahia Guellai, ora all’Université Paris Ouest Nanterre La Défence (ma che al tempo della ricerca lavorava alla SISSA), uno studio che ha dimostrato il ruolo dei gesti nella “prosodia” del discorso.
 
I linguisti per prosodia intendono l’intonazione e il ritmo del parlato, caratteristiche che aiutano a mettere in evidenza la struttura delle frasi e rendono quindi più comprensibile il messaggio. Per fare un esempio, senza prosodia, niente distinguerebbe “questa è una mela” da “questa è una mela?” (in questo caso la differenza sta nell’intonazione).

 

Tratto da www.lescienze.it - Prosegui nella lettura dell'articolo



Pubblicità

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni